Not real

Rientrando, dopo l’ultima telefonata. Alla fine della decima resa. Così stanco che anche la maniglia aveva un peso maggiore del solito. La stanza immersa in una penombra irreale. Il silenzio come cornice della pioggia imminente. Nemmeno i nostri cani sono venuti a salutarmi.

Ho buttato le chiavi nella ciotola dell’ingresso

XL_rogalski_private_spring_3
Zbigniew Rogalski, Private Spring (2), oil on canvas, 120 x 170 cm, 2005

Immaginate il senso di attesa che precede il temporale. Le pareti che sembrano già inzuppate, il vento che fa mulinare le foglie, gli uccelli che smettono di parlarsi. 

Io ti ti lascio andare amore mio, ci sarà tempo per capire. Le lacrime sono state piante. Le carezze ci hanno lasciati da anni e troppa acredine ha increspato i nostri pomeriggi. Così, ti canto la migliore delle nostre canzoni. Non smettere di ballare: sei bellissima quando lo fai da sola e nessuno ti guarda. La vita è un lungo atto di separazione, ma il corpo è l’unico mezzo che abbiamo per incontrarci. Ho la mia libertà e tu la nuova acconciatura.

disciplina

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...