Scrivimi, cazzo!

Scrivimi, cazzo, e perdona questo tono, ma non sai la voglia che ho di abbassarti gli slip (rosa o verdi?) per darti una scarica di quelle che dicono ti voglio bene ti voglio bene a ogni frustata.
(Julio Cortázar a Alejandra Pizarnik)

18403624_638240259705741_6362425729825173957_n

Quanto è facile tacere, essere calma e obiettiva con gli esseri che in realtà non mi interessano, al cui amore o amicizia non aspiro. Allora io sono calma, cauta, perfetta padrona di me stessa. Ma con i pochissimi che mi interessano … Lì sta l’assurda questione: sono un tumulto. Da lì proviene la mia assoluta impossibilità di sostenere l’amicizia con qualcuno mediante una comunicazione profonda e armoniosa. Tanto mi do, mi affatico, mi trascino e mi sfinisco che non vedo che l’istante per potermi liberare da questa prigione tanto voluta. E se non giunge la mia stanchezza, arriva quella dell’altro, pieno di astio per tanta esaltazione e presunta genialità, e se ne va in cerca di qualcuno che è come io sono con la gente che non mi interessa.
(Alejandra Pizarnik)

Nel cassetto c’era di tutto. Foto, mollette da bucato, post-it con appunti,  biglietti di cinema e concerti, ciproxin, matite, vecchi telefoni, caricabatterie spaiati. Lasciò scivolare in quel casino due righe d’addio

creed sick
Martin Creed, Still from Work No. 610 Sick Film

Dormiva, agitata. Se qualcuno l’avesse sorpresa avrebbe pensato che aveva la febbre. Il ritorno era stato l’elaborazione di una fine senza inizio. Dov’era l’acqua ferma e serena? “Che cazzo fai!!” aveva urlato, ma quello era scivolato dentro l’androne e le aveva sbattuto la porta in faccia, lasciandola fuori con il bagaglio. C’era stata una mostra la sera prima del ritorno e l’ansia da stage le stringeva ancora la gola. Rovistò nella borsa e intanto il cellulare le cadde a terra e lo schermo si scheggiò. Grosse lacrime iniziarono a scenderle lungo le guance. Aveva la faccia paonazza, i capelli elettrizzati dall’umidità e macchie di rimmel sotto gli occhi. Aprì il portone e lo mollò con violenza alle sue spalle. L’ascensore era bloccato a chissà quale piano, quindi dopo dieci minuti d’attesa cominciò a salire con il manico superiore della valigia stretto con entrambe le mani. Lo sentiva ancora dentro, come se non avessero finito e lui non fosse uscito fuori da lei, dalla sua vita, dalle sue prospettive, dal centro delle sue gambe. Nel calore artificiale della stanza in condivisione sognava scatti pornografici. Quelli che si erano scambiati in chat. Gli urlava di cancellarli, intanto che diventavano giganteschi, in un cielo da obitorio. Lui le rispondeva di aprire meglio le cosce. Un po’ di più, ancora, dai… non fare la difficile.

Chicken Piece

Si avvicinò alla porta. Passò l’indice su una venatura del legno dal quale la vernice si era staccata. Fuori pioveva da due giorni. Non aveva voglia di uscire. Il pavimento sotto le suole di gomma era appiccicoso. Suonarono, non si sentiva nulla fuori. Soltanto lo scroscio dell’acqua. Restò attaccato al citofono, in attesa. Concentrato e con la fronte corrugata. Sotto la pioggia c’era l’altro. Entrambi sapevano perché restavano così, con l’atmosfera a due diverse intensità di umido che li avvolgeva dalle parti opposte della pioggia

Ana Mendieta, Chicken Piece, 1972

«L’hai fatto?»

«Non sarei qui»

«Giusto»

«Come stai?»

«Bene»

«Ti sei cambiato?»

«Sì»

«Che aspetti a uscire?»

«Aspettavo te»

Il sole non aveva finito di asciugare i pantani disseminati per le strade secondarie. Molte automobili splendenvano, imperlate come enormi frutti caduti da nuove specie d’albero. La città ricominciava a sciamare, rapida e indifferente. La polizia arrivò a sirene spiegate e il commissario superò il portiere senza guardarlo. Le scale erano malridotte e l’ascensore troppo stretto. Gli appuntati salirono in fila indiana, lasciando qualche impronta d’anfibio.  L’ingresso era pieno di sangue e cenere d’appertutto

«Non toccate niente!»

«Dov’è il corpo?»

«Non c’è…»

«Si sieda…»

L’uomo si sedette e il commissario notò che non aveva sangue sotto le suole, nonostante la stanza ne fosse inondata. Era difficile credere a uno scherzo macabro scappato di mano. Così dichiarò agli appuntati in questura, in un estenuante interrogatorio. L’altro era andato in campagna, nel luogo indicato e stava bruciando tutto.

Il fantasma orizzontale – Nazione Indiana

Le aveva detto del fantasma orizzontale. Una presenza discreta ma potente nell’albero genealogico. Una donna, di certo. Una parente abbandonata che reclamava il suo posto al banchetto di famiglia

La tanto sperata presenza su Nazione Indiana è frutto di lungo lavoro, disciplina, i consigli sul testo di Antonio Russo De Vivo e il rapido assenso di Francesca Fiorletta

https://www.nazioneindiana.com/2017/02/27/il-fantasma-orizzontale/

Oggetti fuori posto

Giorno. Letto. Tavolo. Telefono. Bocca. Sete. Erezione.

Lo sai? Non si può avere la musica. La luce fino a tardi. Non si può mangiare quando ho fame. Siamo lontani e tu mi odi? Ti amo e ancora, ancora. Amore come neve che scivola dentro la stanza. Ti amo invece che dormire.

Freddo. Caffè. Telefono muto. Senza batteria.

tumblr_l9wmcaqlig1qdj4d8o1_500
Agalmatophilia

Stomaco chiuso. Occhiate. Diffidenza. Camera. Pillole

In realtà ogni forma è vuota. Mi dicevano . “Tu sei una forma vuota. Un cranio e il cervello non ci sta dentro”

Lavati dai

Metti le mani nell’acqua, l’acqua sulle mani, le mani con l’acqua sulla faccia

In questo ci sei tu. Il tuo odore di sudore e terra. Mi hai lasciato solo. Solo. Solo.

Pigiama. Libro. Matita senza punta. Ti amo, ti amo e mi manchi. Non posso scrivere, potrei ferirmi con una punta, dicono i dottori

989acc7e762f7874e8fb02db68c7dd93
Filipe Branquinho, Untitled

Mi sveglio e non ci sono più i libri, lo stereo, la penna che avevo nascosto e dimenticato sulla scrivania. Non c’è nemmeno lo specchio. L’hanno tolto? Mi tocco la faccia, mi guardo le mani. C’è qualcosa di diverso. La pelle è così screpolata che si spacca. Ho una benda sulla testa. Mi hai raccontato che ti aveva seguita e bloccata in palestra. Non c’era nessuno, solo te e lui. Ti aveva parlato, chiesto di tua madre e di tuo fratello. Si era avvicinato e ti aveva sfiorato la ciocca di capelli viola. Aveva riso. Ti eri allontanata, mi hai detto. Così, ti è corso dietro, spinta e trascinata fino alle parallele. Ti aveva tenuto le mani in alto. Sentivi il suo fiato davanti alla bocca. Ti ha preso la mano destra e ha cominciato a leccare il palmo, a lingua molle, seguendo le linee. Una per una. Alla fine se n’è andato. Me l’hai detto dopo una settimana. Spostando un sasso con la punta dello stivale. Parlavi ma eri assente. La voce era piatta. Impersonale. Non me lo dicevi, me lo stavi comunicando.

Non ho le stringhe delle scarpe, dormo tanto, come faccio a scriverti? Mi rubano la corrispondenza, sono certo.

Lettera confiscata

Non lo so. Non so perché te lo scrivo, ti farà ancora più male. Mi devo liberare la coscienza. Sapevo come sarebbe andata a finire e non sono riuscita a fermarmi. Lui non è stato così… mi ha toccato e non mi ha fatto male. Non ha avuto fretta. Ha detto le cose che servivano a non sentirsi estranei. Ho pensato a lui nel frattempo, quando parlavamo e stavi zitto, ho pensato che te lo avrei scritto che non dovevo. Ho pensato che c’e in me qualcosa di sbagliato. Mi mette a disagio ma questa distanza con te è giusta. Non so. Mi sembra di guardarmi, di spiarmi allo specchio e non trovarmi. In quel momento in palestra era come avere un terzo occhio puntato addosso. Mi faceva schifo e mi piaceva. Non potevo accettare che mi piacesse. Gli ho parlato tutto il giorno, qualche volta mi sentivo strana. Ho avvertito questo calore strano. Ma non lo cercherò più, te lo giuro. Come lo spiego, che mi fruga e non c’è. Perché lo sento, lo sperimento dal suo tono anche se la sua voce non mi arriva. Però non lo vedo ovunque, non lo voglio come te. Lui non c’è. Non sei tu, non sarà mai te. Questa immagine non è giusta. Lui è seduto composto, come il dottore che ausculta. Il medico di famiglia che mi ha vista crescere. Mi ha guardata mettere su le tette. Sa di me cose… il corpo è talmente in alto che scompare, si gonfia, trema. Come cazzo c’è riuscito a farci questo?

Ti amo

A.

Periferia

Siamo in periferia, con le frasche fra i denti e le lingue impelagate in travasi di bile. Io, detta freak. Per le note di colore orientale che punteggiano il mio metro e mezzo di statura. E Betty. La vamp, la pitonessa. Testa rasata e il fondo schiena più appetitoso del pianeta

schermata-2016-12-04-alle-21-03-00
Jeanne Ménétrier, Vanished woman N° 3, 2016

Noi, insomma. Inguainate nelle giacche della Montagnola – usato garantito -, che il vento penetra come un coltello arroventato il burro.
Troppo freddo. Ci assale alla gola. Le parole si cristallizzano in nuvole bianche e dense. Gli uomini!, dice lei.
Gli occhi sgranati da Kaa, serpente incantatore di Kipling. Il trucco da abbordo e le labbra piegate all’ingiù. Dopo un sospiro profondissimo.
Gioco con la mia fischermannmentaforte. La rotolo tra le dita, la poggio, tenendola tra indice e pollice, sulla lingua e la spingo piano contro il palato. Vorrei sguainare una frase snella. Di quelle che si scolpiscono nella memoria e, in fine, diventano leggenda metropolitana. Intere generazioni di freak chic che ne parlano per decenni, mi glorificano, alzandomi la statura di venti centimetri, e così via. Mi viene fuori un Mah!
Lapidario e polisemico. Nero denso. Strabuzza gli occhioni l’ofide, e sillaba un enigmatico Boh!, per tutta risposta

just-like-eva-2015
Ulla Jokisalo, Just like Eva, cut-out pigment print and pins 58,5 x 42,5 cm with frame unique, 2015

Camminiamo fino al bar più vicino. Coperte, si fa per dire, da quelle stramaledette giacche di cartone, che difendono a malapena dall’umidità padana. Scappo a casa, dico. Ho voglia di ricantucciarmi in tana. A guardare il tetto con un libro. Dormo da sola.
Ciao

Perfect day

Ma l’impresa è che l’ora diventi il sempre

(Il ladro di Bagdad, Paul Leandro, 1960 Mexico City)

« Quando sei stato felice? »

« Cioè? »

« Raccontami un giorno, un momento, in cui sei stato davvero felice… »

« Uhm… »

melinda2_original_large2
Martin Kersels, Tossing a Friend (Melinda 2), C-Print — 67 × 100 cm — Edition of 6 Courtesy of the artist & Galerie G-P & N Vallois, Paris 1996

A cavalcioni, sulle spalle di mio padre mentre andavamo a vedere un pony.  Mi sentivo protetto e non avevo bisogno d’altro al mondo, dice Tony, fumando una marlboro dopo l’altra

« Dimmi tu se sono felice…», ma l’altro non poteva accontentarlo. Il Bello, per anni nascosto dietro una fede, per scansare ogni equivoco relazionale, aveva trascorso il tempo del suo matrimonio a nascondersi con garbo all’ombra delle cortine abbassate, nella casa di Anguillara. Si portava le troie con le tette rifatte e le labbra a canotto. Spesso gli amici, per una gang bang da filmare e tenere in archivio. Qualche labbro si spaccava come un frutto maturo, davanti alla doppia telecamera dei cellulari di ultima generazione, per uno schiaffo voluto e assestato male. A lui interessava l’intelligenza del consumo e mai il sentimento. L’autismo programmato e divulgabile via whatsapp. L’emozione, il palpito, non erano che discount, come certe rubriche alla Natalia Aspesi. Roba che pretendeva di risolvere i nodi di un’intera vita in forma di lettera e risposta. Non c’era giorno però che non ricordasse la spiaggia di Punta Braccetto; quel mare furioso, quei due pesci in trasparenza nell’onda. Quella solitudine biposto che ancora stancava e portava il pensiero in pianura, a respirare forte

piggyback-di-jake-e-dinos-chapman-lopera-contestata-foto-roberto-galasso
Jake e Dinos Chapman, Piggyback, 1997

Era stato felice e non lo sapeva; non lo voleva. Sarebbe toccato al futuro svelarglielo con un “colpo di teatro”. Lei l’aveva chiamato a dicembre dell’anno prima. Per quale motivo? Eugenio aveva lasciato che il cellulare vibrasse a lungo. Aveva osservato il display illuminarsi con un nodo in gola, che andava a stringersi e somigliava a un attacco di panico. Quel nome. Quel mare. Quel sole. Si era limitato a non rispondere. A non sapere. L’unica felicità era meglio non toccarla né sporcarla.

Non ancora e non più

 

La pace dona a noi

— “Usciamo che almeno fuori c’è aria”

Masao Yamamoto
Masao Yamamoto, Kawa #1527, Photographs, mixed media, 2009

Dall’alto il colore dei loro capelli si confonde. Un castano ambrato con qualche bagliore diverso. Giusto un paio di fili bianchi; uno per ciascuno. L’abbandono, anche quando non si fosse ancora consumato ma se ne avvertisse l’imminenza, implicherebbe un’autopsia. In fine, la valanga del rimpianto. Una massa di terra che precipita lungo un pendio, un’erta rovesciata. Per sempre

Lei si vede con un fantasma. Il fantasma le afferra le braccia, la tocca in mezzo alle gambe, sa come deve toccarla. Le sfiora la schiena, le morde la nuca. Non ha idea del suo volto. Non è certa che i fantasmi ne abbiano uno: un viso, con dei lineamenti precisi. Con un sapore dentro la bocca. Un odore personale che si portano dietro dall’oltreluogo. Ha sognato che la casa, una casa che non somiglia alla sua, si allagava a partire dal frigorifero. Mobili, quaderni e scarpe galleggiavano. Ricorda anche una festa. Parei blu, vestiti appesi al muro che desiderava indossare. Aveva una specie di urgenza orgasmica di portare con sé un reperto di ciò che stava sfiorando con la punta delle dita. Un abito di seta, una cintura di cuoio, un paio di guanti. Poi lui. Sbracato su una sedia, in una posa adolescenziale e sfrontata. Bello come nel tempo finito. Beffardo. Quell’uomo sopravvissuto alle sue sezioni e Tac e scintigrafie e stratigrafie. Quel gabbiano impagliato che per qualche tempo l’aveva fatta esistere e poi non più.

masao-yamamoto-11b
Masao Yamamoto, 1019, Box of Ku, gelatin silver print with mixed media, n.d., 2″ x 5.5″

 

— “Perché ce l’hai con me?” e se ne va…